L'abc della mountain bike PDF Stampa E-mail
Scritto da WebMaster   
Lunedì 19 Novembre 2007 21:57

La differenza tra un adulto e un bambino, sta nel prezzo dei giocattoli.” - Woody Allen


Eccoci al dilemma: "Ma quale mountain bike mi consigliate di acquistare?  Una 26", una 27,5" o una 29"? Front o full? Alluminio o carbonio? Per le salite o per le discese? Da cross-country, marathon, all-mountain o freeride?".
Una serie di domande che attanagliano tutti i biker, soprattutto i neofiti, e per le quali non c'è mai una risposta univoca.... Ogni anno escono nuovi modelli che costano più della vostra utilitaria, con nuove geometrie, telai progettati dalla Nasa con saldature al platino, selle con vibromassaggio per evitare i dolori al fondoschiena, mescole realizzate con zoccoli di stambecco per salire come un free-climber sui pendii più ripidi.
La realtà è che le aziende devono continuare a vendere, le riviste vivono "anche" (ma non solo) di questo ed il mercato è fatto non dai professionisti (ai quali la mtb la paga lo sponsor o la società sportiva...) ma da noi amatori/appassionati che siamo pronti a sborsare, ahimè troppo spesso, centinaia se non migliaia di euro per l'ultimo componente uscito sul mercato a volte solo perchè pesa 10gr in meno (quando, per ottenere lo stesso risultato, sarebbe bastato evitare di sfondarci come dei facoceri la sera prima...).
Una pipa da 250 euro (..e ce ne sono...), sarà sicuramente stata studiata dai migliori ingeneri e resisterà anche agli urti contro i carri armati....Ma caspita...alla fine è tubo di 10 cm con quattro viti!!!
La ricerca di risposte a tutte queste domande e la continua caccia agli ultimi prodotti non farà altro che rendervi degli etermi insoddisfatti.
In ogni caso, nonostante siamo fermanente convinti che il modo migliori di apprendere i segreti della mountain bike sia quello di inforcare il proprio mezzo e lanciarsi in qualche sentiero e considerato che, in ogni caso, se si deve spendere, è giusto farlo nel modo migliore, ecco alcune brevi informazioni riguardanti la mtb per chi si avvicina a questa attività, lasciando gli approfondimenti di dettaglio alle riviste specializzate, constantemente aggiornate sulle novità del mercato.

La storia della MTB tra mito e realtà…

 

Quando uscirono le prime mountain bike, molti dicevano che era una bicicletta da bambino fatta, però, per adulti. E forse avevano ragione…” Ned Overend

 

La nascita della mountain bike, come oggi la conosciamo, risale agli anni ’70, quando, in California, un gruppo di giovani scoprì il divertimento delle gare ciclistiche in discesa, usando delle robuste biciclette che fino da allora erano utilizzate dai fattorini. Molti forse non lo sanno, ma la prima competizione della storia della mountain bike è stata una gara di douwnhill. Era il 21 ottobre 1976 e negli Stati Uniti, a Fairfax, sulle colline sovrastanti la baia di San Francisco, stava per partire la "Repack Downhill" : 430m di dislivello in discesa che si sviluppavano su un itinerario di 3,36 km.

Salire ogni volta sui colli a piedi, spingendo la bici a mano, non era però altrettanto divertente. Uno di loro, un certo Gary Fisher, pensò di applicare dei cambi alla trasmissione per poter pedalare anche sui sentieri in salita. Altri, come Joe Breeze, cercarono di alleggerirla lavorando sulle geometrie. Da quel

momento stava nascendo un nuovo modo di intendere la bicicletta : stava nascendo la mountain bike!

Da quel momento è stato un continuo susseguirsi di innovazioni tecnologiche, di studi sulle geometrie, sui materiali, sulle sospensioni che avrebbe portato a trasformare quello che era un divertimento "stravagante" tra amici, in  una nuova disciplina sportiva che ad Atlanta, esattamente vent'anni dopo, sarebbe entrata a far parte delle discipline olimpiche....



Materiali

 

Forcella

 

Freni

 

Ammortizzatore

 

Ruote

 

Pneumatici

 

Manubrio

Ultimo aggiornamento Sabato 24 Settembre 2016 21:08
 

Sondaggi

Quale novità ti piacerebbe trovare per la 10° edizione del "SETTE TERMINI BIKE TOUR"?