Frigoriferi, stili e design: quando la scelta premia l’estetica

L’estetica in un frigo potrebbe sembrare una nota stonata, ma vedremo subito che non è così. Infatti, il design è un aspetto prioritario nei frigo di ultima generazione, al quale i maggiori produttori di questi elettrodomestici stanno dando sempre più importanza. Si fa caso soprattutto ai modelli ‘free standing’ a vista, che devono necessariamente intonarsi all’arredo della cucina per non dare l’impressione visiva di un pugno in un occhio. Non è un problema, oggi, trovare lo stile più adeguato, retrò o futurista, a seconda dei propri gusti e del look dell’arredamento domestico. I frigoriferi in commercio danno ampia possibilità di scelta, dai modelli in acciaio a quelli ultra colorati, con tonalità che oscillano dal giallo al blu. I più classici sono bianchi, un colore neutro che si adatta ad ogni location, ma spesso fanno la loro comparsa nei frigo più alternativi di inserti in acciaio o riporti multicolor.

Anche la forma delle maniglie contribuisce a dare un tocco di originalità al solito frigorifero, se ne trovano di particolari e di ogni dimensione, così come le altre componenti, a partire dalla tipologia dei vani e di altri accessori. Tutto dev’essere però razionalizzato al massimo, perché per quanto il design possa contare sta di fatto che un frigorifero privilegia la sostanza e la funzionalità dato il compito essenziale a cui è chiamato. In ogni frigo, a prescindere dagli stili, cibi, alimenti e bevande devono trovare una collocazione intuitiva e ordinata sfruttando i contenitori e i ripiani in cui è suddivisa la ‘camera’ del frigo. Di solito, i ripiani inferiori sono più freddi di quelli collocati più in alto e seguendo i grafici forniti nelle schede informative non sarà difficile trovare la giusta collocazione di ogni cibo, dalla carne alle verdure.

Più il frigo è accessoriato e più saranno griglie, cassetti e vani di vario formato deputati ad ospitare gli alimenti e le bevande. Per esempio, esistono griglie ‘ad hoc’ per tenere in ordine le bottiglie o i cartoni di succhi e di latte, anche in orizzontale da chiusi. Nei cassettini più piccoli, poi, andranno sistemati formaggini, burro e confezioni di lievito, mentre le uova potranno essere riposte nelle apposite griglie. Nei contenitori con coperchio, poi, troveranno posto altri cibi più aromatici, di cui si vuole preservare l’aroma come certi tipi di formaggi speziati, il cui odore acuto non deve confondersi con gli altri ‘inquilini’ del frigo.